I racconti del lavoro invisibile è un opera-progetto di contaminazione tra diverse discipline artistiche che intende esplorare in chiave crossmediale le trasformazioni del lavoro contemporaneo a partire dalle donne, dalla natura gratuita, flessibile, affettiva e relazionale del loro operare: dimensioni di cura trasformate in pratiche produttive che hanno riformulato l’intera struttura del mondo del lavoro, coinvolgendo allo stesso tempo donne e uomini.

Doc.It

di / 9 gennaio 2015

Doc It

I racconti del lavoro invisibile – Workshop audiovisuale

Roma, gennaio-febbraio 2014 workshop promosso da Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico, Associazione Per, BabelMed

L’Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico (AAMOD), in coordinamento con l’associazione culturale Per e la redazione di Babelmed, ricerca 6 partecipanti al workshop audiovisuale condotto da Antonio Venti e Carlo Antonicelli in collaborazione con Cristiana Scoppa e Federica Araco.Il workshop si inserisce all’interno del progetto I racconti del lavoro invisibile, finanziato dall’assessorato alla Cultura, Creatività e Creazione Artistica del comune di Roma che si svolgerà nei mesi di gennaio e febbraio 2015. Il workshop culminerà in una tre giorni di animazione artistica della Casa Internazionale delle Donne, il 26, 27 e 28 febbraio 2015.

Il laboratorio avrà una durata di 5 settimane, dal 19 gennaio al 26 febbraio, giorno dell’inaugurazione delle installazioni presso la Casa Internazionale delle donne. Gli appuntamenti avranno in linea di massima cadenza bisettimanale e si struttureranno in base alle esigenze produttive del progetto in coordinamento con i/le partecipanti del workshop.

Le iscrizioni, corredate di CV, di una breve lettera di motivazione e di eventuali link a progetti audiovisivi già realizzati, dovranno pervenire entro e non oltre il 9 gennaio 2015 all’indirizzo e-mail: per.associazione@gmail.com, oggetto: Workshop audiovisuale – I racconti del lavoro invisibile

Per maggiori informazioni scaricare l’allegato

Link: http://www.documentaristi.it/news/2348.htm

  • condividi:

Comments